» Eventi passati
Lingua:

VIII Old Souls Picnic
3 settembre 2017
ISOLA DEI CIPRESSI
Lago di Pusiano
“In mezzo all’erba, sotto gli alberi, nei vasi grigi delle nicchie, si scorgevano pennellate bianche, d’oro, di porpora; sopra la sua testa gli alberi erano rosa e bianchi, e ovunque si udivano battiti d’ali, suoni flautati, ronzii, dolci profumi.”

View pictures

“Di Dame e Cavalieri” • Notturni, IV Edizione
10 giugno 2017
Castello Sannazzaro Giarole (AL)

Una dama incontrai
bella nei prati, figlia delle fate;
lunghi i capelli e il passo suo leggero,
e gli occhi folli…
Composi una ghirlanda pel suo capo,
e braccialetti e un cinto
fragrante, mi guardava innamorata,
con un dolce lamento…

View pictures

One Thousand and One Nights, Le Notti d’Oriente
Old Souls Gala, V Edition
April the 29th, 2017
Villa Mazzotti, Chiari (BS)

Ora, il Re disse in cuor suo: <>

Venite, benvenuti. Ecco, varcate la soglia del palazzo del Gran Visir. Non temete quegli sguardi scuri di kajal, seguite piuttosto il profumo degli olii e del sandalo. Siete giunti fin qui seguendo quelle voci nel deserto; tessevano le cronache dei Sassaiani, antichi Re di Persia, e riferivano di Sherazade e dell’importanza della fantasia e dell’immaginazione nella vita degli esseri umani, nella sua più seducente e immortale forma di salvezza dalla morte e dall’odio. Siete giunti fin qui per vedere con i vostri occhi, percepire con i vostri sensi, danzare nei vostri veli e nella vostra seta. Ed eccolo là giù, il salone delle fiabe. Non abbiate paura, scostate quelle tende e perdetevi nel labirinto di un’esistenza di fantasia, dove resterete imprigionati e felici per mille e una notte. In ogni angolo di ombra e in ogni antro dorato del palazzo, troverete una vita di immaginazione, impalpabile, sottile e ammaliante come una notte di luna piena nel deserto. Non ci vorrà più di un canto a farvi vivere le più straordinarie peripezie. Vi moltiplicherete in centinaia di diversi destini, protagonisti di passioni e di prodigi eroici, di crudeli stregonerie e di esotici paradisi. Questo è il potere delle favole, questo è quanto vi aspetta ora che il vostro viaggio è concluso…

View pictures

17 Dicembre 2016
Palazzo Gozzani Treville – Casale Monferrato

Far away, long ago,
Glowing dim as an ember,
Things my heart
Used to know,
Things it yearns to remember…

View pictures

VII Victorian & Romantic Picnic
“Il Giardino delle Muse”
18 settembre 2016
Parco di Villa Mazzotti, Chiari

“Il faut être toujours ivre. Pour ne pas sentir l’horrible fardeau du temps qui brise vos épaules, il faut s’enivrer sans trêve. De vin, de poésie ou de vertu, à votre guise. Mais enivrez-vous!”

“Il Giardino delle Muse” è quell’antro di immaginazione in cui l’artista bohémien dà forma alle sue visioni, alle sue creature, ai suoi deliri, prima di trasformarli in pittura. Forse frutto dell’assenzio, forse degli oppiacei, forse, semplicemente, di quel feticismo per il Bello, il giardino prolifera di ninfe, grazie, pensatori e poeti maledetti. E l’artista lo alimenta e lo decora, lo popola di anime sante e dannate, nel suo slancio armonico e floreale, mentre si perde nell’ennesimo distillato in quel bar di Praga, o di Vienna, o di Berlino… ormai non sa più dove si trova, per lui non esiste altro al di fuori di quella bianca tela cui dar vita. Scivolano leggere sull’erba le sottane e i veli, cadono in terra i petali freschi, frusciano nella brezza foulard e cravattini come grano. E’ la fine dell’estate e l’inizio di un nuovo secolo.

Anime di fine ‘800 e inizio ‘900, muse liberty e artisti di secessione, spiriti di grazia riuniti in un giardino di bellezza e ornamento. Questa è la VII edizione del nostro Victorian & Romantic Picnic, dedicata alle ideologie estetiche di Mucha e all’armoniosa corrente dell’Art Nouveau.
Lasciatevi trasportare dalle suggestioni preziose, esotiche e folli dei mondi del passato ormai scomparsi o dei raffinati ambienti di Boemia.

View pictures

Aprile 2016
Villa Mazzotti, Chiari

“Voglio rimanere un eterno enigma, per me stesso e per gli altri.”
(Ludwig II di Baviera)

E’ una storia che ebbe inizio il 25 agosto del 1845, quando Ludwig di Wittelbach, il re del decadentismo e delle favole, l’ultimo vero sovrano di Baviera, venne al mondo. Ogni sospiro della sua vita fu un inno alle antiche leggende germaniche musicate da Wagner, all’epoca d’oro dell’assolutismo e della Francia di Luigi XIV, il Re Sole. Affascinato in modo morboso dal mondo irreale e lontano in cui voleva rifugiarsi, si prefisse di costruire dei “paradisi in terra” dove rivivere i romantici sogni evocati dalla sua malinconia. Nel suo disegno fantastico la Baviera doveva trasformarsi in un grande teatro, solitario e fiabesco. Le eccentricità degli ultimi anni della sua vita spinsero il governo bavarese e alcuni membri della sua stessa famiglia a complottare contro di lui, fecendolo dichiarare insano di mente al fine di rovesciarlo dal trono. Dopo un solo giorno da recluso e un lungo incontro con uno psichiatra, Ludwig scomparve. Il suo corpo venne ritrovato sulla riva del lago di Starnberg, nei pressi di Monaco. La morte del più romantico dei re, che fece della sua esistenza una fiaba, resta tutt’oggi un mistero irrisolto.

View pictures

Settembre 2015
Villa Reale di Monza

~ Quel che resta del mio coraggio è riposto nella fiducia che ho in voi e nella certezza che ho di rivedervi, quindi ve lo dico più chiaro che posso: se state combattendo, smettete di combattere!; se state marciando, smettete di marciare! Tornate da me… Tornate da me… Questo vi chiedo. Tornate da me, tornate da me. ~

View pictures

Giugno 2015
Villa Carcano, Anzano del Parco.

“20 Giugno 1815
Vigilia del solstizio d’estate.
L’epoca dei balli delle debuttanti e della vita di società si è chiusa, le famiglie si spostano dalle città alle campagne, nelle loro dimore estive.
Qui, tra prati, boschi e laghi, si ritrovano vecchi amori ed eterne amicizie. Dopo un inverno passato tra lettere, doveri e balli formali, in una società rigida basata sull’etichetta, il primo incontro: una magica notte dove anime pure si scambiano racconti, memorie e storie.
Un posto dove possono essere loro stesse, senza i vincoli e le restrizioni dettate dalla società.
Anime affini, rimaste lontane così a lungo che neppure il calare della sera riuscirà a dividerle e le stelle immortali saranno custodi dei loro segreti.
La notte, con il buio e il tepore dell’estate, le avvolgerà e proteggerà dal mondo esterno.
Un sogno d’inizio ottocento… La nostra storia.”

PH: ReflexStudio, Juliet Labdien, Lara Sirtori

View pictures

Maggio 2015
Casinò di San Pellegrino Terme

“I have crossed oceans of time to find you.”
(Bram Stoker’s Dracula)

La notte del 16 maggio 2015, il Casinò di San Pellegrino Terme è stato il rifugio senza tempo di tutte le anime antiche e immortali.
I poteri del tempo sono stati alterati e in quella sola notte di primavera siamo stati tutti lì, insieme, uniti da un destino comune: attraversare gli oceani del tempo.

PH: ReflexStudio, Kristina Vermane, Massimo Santo

View pictures
Up